>Persona
Persona2018-06-11T21:03:47+00:00

Giuseppe Levi

Scheda redatta da Maria Cristina Brunati

Venezia, 4 luglio 1830 - Milano, 19 gennaio 1909

Figlio di Emanuele e di Elena Pesaro, nacque a Venezia il 4 luglio 1830.

Di sentimenti patriottici, prese parte alla difesa della Repubblica di Venezia e dopo la sua caduta riparò in Egitto, dove già viveva una cospicua comunità italiana, per sfuggiere alle persecuzioni austriache.

Stabilitosi ad Alessandria d'Egitto, si inserì nel settore bancario, fino a divenire direttore della Banca d'Egitto in quella città.

Rientrò in Italia intorno al 1890, fissando la sua dimora in via Dante e poi in via Aurelio Saffi.

Sposato con Luisa Levibram (1843 - 1899) ebbe tre figli: Arturo, Giorgio e Matilde.

Nel 1894 promosse la costituzione della Fondazione Levi per un ricovero (cfr. Milano benefica e previdente 1906, p. 396), mentre 10 anni più tardi, nel 1904, donò al Comune di Milano una casa in via Cicco Simonetta n. 15, per dare un alloggio "ai senza tetto" (cfr. "Il buon cuore giornale settimanale per le famiglie", 1904). 

Nel 1908 il Comune donò a sua volta l'immobile al Comitato per i Ricoveri Notturni gratuiti.

Morì a Milano il 19 gennaio 1909 e fu sepolto nel reparto israelitico del Cimitero Monumentale.

Nel suo testamento, redatto il 15 luglio 1908 presso il notaio Antonio Menclozzi, dispose di beneficare nuovamente i senza tetto con un legato di 37.000 lire, lasciando ulteriori elargizioni al Pane Quotidiano, al Pio Istituto dei Rachitici, alla Fraterna Misericordia di Venezia, alla Comunità Israelitica per gli asili infantili e per i poveri israeliti e la Casa Militare Umberto 1° per i Veterani di Turate (CO) a cui lasciò pure le sue onorificenze della Prima Guerra di Indipendenza.